" Ma ogni volta che …

” Ma ogni volta che un essere umano muore per volontà, per decisione e ad opera di un altro essere umano ci assale lo sgomento che si prova di fronte all’assurdo. –

«La guerra è questo», si dirà.
Ed è vero. Ma questa constatazione non può essere un motivo di rassegnazione.

«La guerra è questo» significa che quando si decide di fare una guerra o parteciparvi si preparano il crimine e la morte. Non una morte inevitabile, che è offesa e sfida per ogni essere umano, ma una morte che per alcuni ha il sapore di un successo, di un obiettivo perseguito e raggiunto.

Non ci sarebbe rispetto né umanità nel ridurre l’esistenza stroncata di persone, il dolore dei loro congiunti, il dolore di tutti, ad argomento di una parte in una contrapposizione.

Lo stretto contatto con il limite estremo che la morte, la sofferenza e la disperazione costituiscono può e deve provocare la riflessione di tutti, non la polemica di alcuni.

Nessuno può ridurre questo avvenimento a dimostrazione di una tesi.

Sarebbe insensato sentirlo come la prova di avere o avere avuto ragione.

Dobbiamo tutti prendere atto che si è al di fuori della ragione, quando i rapporti tra esseri umani si esercitano con la forza, con le armi, con l’uccisione.

La guerra è questo: è morte e dolore evitabili e voluti, un’assurda disumanità non commisurabile con nessuna difficoltà, con nessun problema.”

 Medici di guerra inviati di pace
<br<www.emergency.it
( il testo completo nei “commenti” ) > > >

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...