G r a t i t u d i n e

  ©lab harambèe – kaapi carla barnabei
Sarzana & Altrove, Agosto 2009

s e n z a     t i t o l o

Se mi metto a contare sbaglio.  E,l’errore mi insegna,  dietro alla parola s’identifica nello sbaglio una colpa.  Proprio lì dentro, ed in fondo, alla colpa c’è la scoperta.  Una scoperta che, forse da tempo lungo e ssottile, attende. Una scoperta lo sa di essere un po’ defilata,  il suo nascondersi si rivela.  Rivela di per sè. Trasmette, insegna sempre.

Ogni cosa esistente, visibile ed invisibile, ha in sè una rivelazione, in sè e per sè, collegata da una rete energetetica vibrante, di suoni e colori, luminosa/ombrosa, di ragione e senza ragione.  Incantata. 
Incanto quotidiano. Semplicità speciale, da riconoscere, attende.

Le paroe non bastano.  Anzi, eccedono, nella loro precarietà…!
Una pianta di zucchine, fra foglie fiori e frutti, convive con altre piante, intorno. Condividono la terra e l’aria. Sotto al cielo, in profondità variabile.
Certi le chiamano erbacce, erbe da estirpare (soffocano, dicono, ciò che deve crescere per diventare raccolto, da prendere). 
Invece, chissà come si chiamano le piante, fra loro .
Mi chiedo. E, se fossimo noi le erbacce, nell’universo? Oppure, non esistono male erbe, solo erbe diverse. Innite forme.  Nessuna esclusione. Insieme, unita diversità.

Noi umani accentriamo al nostro lnguaggio azioni e classsificazioni,  come fosse l’unico ed il pricipale.
D’accordo, lo farò. Nessuna fuga?
Ma quale instabilità o variabilità nel confine che distingue me dall’altro/i, quale precarietà persino nel noi (quando distingue e divide amici/nemici) !

Mi hanno insegnato "parla sempre in prima persona per assumerti la responsabilità…!".  Io, me ne accorgo, a volte, di non essere mai sola, anche se mi sembra di esserlo ;-). Anche se non si vede qualcuno!

Se mi metto a contare chi c’è, cosa vedo?
Non  conterò più. Ascolterò. Dirò, so che ci siete, invisibili.
Sento la musica. I passi soffici, le tracce del cuore, le stelle negli occhi. Gli arcobaleni, i segni sotto le foglie, nello spazio,  dentro.

Le piume di esseri che non hanno certo il nome da noi preteso, indefinibili. E gli sguardi, attenti, curiosi. Eccolo, il teatro invisibile ! Accettare il limite rende lo spettacolo vero, illuminate. Ce lo hanno insegnato, lo abbiamo dimenticato, il potere o la forza del teatro. La sua guarigione dell’im-impossibile.

Un amore incondizionato, che guida,  atrraverso una precaria e variabile distinzione (di forma e di sapere) là.  Là,  dove  nessuna distinzione separa ed avvalora.

Grazie.

  © lab harambè – kaapi carla barnabei
 Findhorn, Cluny College, agosto 2009

w i t h o u t
p l a c e

Appunti scritti al volo, in un afoso inizio di pomeriggio
,nel perdurare di un  viaggio  (i n – f i n i  t o)  a Findhorn (grazie e grazie).

l o v e
k. e K.



  © lab harambè – kaapi carla barnabei
 Findhorn, Cluny College, agosto 2009

w i t h o u t

( 2 2 – c o n t i n u a )

Annunci

Silenzio nel Bosco



 
©lab  Harambèe – kaapi carla barnabe
S.Martino & Altrove,  31 Luglio 2009

A i   F i o r i

Non ho più scritto qui, per alcune settimane. Personale è il tempo nella sua quantità e valore.
Scrivere. Cercare di farlo secondo delle priorità che rispettino un senso di vita, non sempre è facile , per me.  Mi sono accorta di dedicare più tempo a ciò che  disperde tempo ed energia  rispetto ad  un intento piuttosto che accentrami lì…Il problema era che il mio intento non fosse ben definito?

Sì, appunto. Su questo Intento di vita, che comunque è vivo e si definisce se  pongo questa chiarezza come   una priorità, sto lavorando.
E’ un lavoro che non si esprime attraverso negazioni (scelgo questo o quello? Prima o dopo?), ma con l’ascolto. Appena possibile e poco alla volta testimonierò qui trascrivendo alcune parti del diario quotidiano ( interessa a qualcuno?) combinando con citazioni dei riferimenti incontrati (o  che mi hanno incontrato).
 
Ne potrebbe sorgere una distanza fra i riferimenti, le voci ascoltate, e quello che (mi) accade: Si tratta di variabili. In questo spazio ci si accorge della distanza che è anche avvicinamento di qualcosaltro non previsto magari… 😉

Ora, incomincio con questa piccola premessa e con un riferimento. Tra i riferimenti nei quali sto vivendo c’è quello a Bobby, alla (sua) visione. Perchè tra parentesi ( ) ?
La Visione arriva non è nostra, ci coglie. Possiamo girarci dall’altra parte, se non lo facciamo invece non perdiamo e non guadagnamo.
Cambia la vita, che comunque è sempre come tale in cambiamento, solo non ce ne accorgiamo.

Mi hanno detto parla sempre al singolare, da te. Allora, ok.
Non im ero accorta di non ascoltare, cercavo chi mi ascoltasse con bisogno ossessivo, mi dimenticavo di me e  di te (l’altro). Ho cercato di ascoltare, non ho avuto coraggio, determinazione, ero confusoa. Poi, toccato il fondo, arrendersi (surrender) nell’ascolto a poco a poco.

Mi sono sentita sola. E’ stato bellissimo dopo essere sembrato una perdita crudele.  Non  lo era e non lo è. Anzi, credo indispensabile per stare insieme accettare di stare da soli, vivere la solitudine. Anche questo stato cambia, anche se io inizialmente non l’avevo capito. 
Differenza sottile. Su questo percorso testimonierò, ma è ancora bambina ,giovane la mia consapevolezza.

Sono ben piccola creatura di fronte al mistero del cielo stellato e da quel buio ogni stella parlante mi chiama.
Sono vecchia nelle tracce sul palmo della mano profonde, e segno nell’aria un cerchio: diventa  spirale a  radicare qualcosa che mi chiede di rimettere rancori verso me stessa ed ogni illusione di separazione. Non vorrei essere enigmatica  (continua).
Non si può spiegare, a me non lo hanno spiegato. E’ come il fulmine. Basta non scappre via e accade da sé (se accade).

Tornando a Bobby, questa parte (1) di una delle ultime interviste (ne rilascia pochissime)  seque alla prima parte (1)  q u i 

Seguiranno altri riferimeti, sia a Bobby sia a diverse espressioni della relazione fra Intento e Funzione (Fonti e Fontane).


Oggi, martedì 1° Settembre, questo post è cambiato. infatti, ho appena pubblicato testo e foto corrispondenti al link nell’altro blog (lab harambée, appena riaperto e con lavori in corso).

Comunque, il collegamento del link (Qui- c l i c l) è rimasto, sotto a queste parole … 😉

Q u i

(click)

(31 –  c o n t i n u a)