Come prima
e dopo

© lab Harambèe – kaapi carla barnabei

Milano & Altrove, a casa- 3o . 8 . o6

F i n e – I n i z i o

“La mia infanzia non ha mai perso la sua magia, non ha mai perso il mistero, non ha mai perso il suo dramma”.

( … )

“Tempo. Tempo. Tempo vissuto, tempo dimenticato, tempo condiviso.

I miei ricordi mi aiutano a vivere il presente ed io desidero che sopravvivano.

Devi raccontare la tua storia e poi devi dimenticarla.

Questo ti rende libero”.

Louise Borgeois

Iniziare un’opera, chiedersi perchè. Lasciare accadere un gioco d’infanzia quando una storia era vera e vissuta. Un gioco da vivere lungo un giorno intero. Dalla mattina alla sera, sogno compreso. Sempre.

Mi sono ritrovata tra fili intrecciati ad altri fili. Sempre loro. Sono scappata fra parole e foto, adesso son qui tra le mie ninna nanne e filastrocche. Ritornano suoni, colori, e persino l sapori. Niente di preciso nè separato.

Una lunga scia di passi intrecciati come nastri a fingere strade…
mi son trovata davanti a cassetti aperti, scaffali appena spolverati, porte socchiuse e ho riscoperto tesori
da riconoscere, da ascoltare.

Immagini sbiadite, ninnoli, conchiglie piene di sabbia. Nastri ancora annodati, fiocchi rossi, gomitoli di filo e cordoncino come nidi, campanelli di orsacchiotti ed orsi parlanti. Abitini, piattini e posatine spaiate, piccoli vassoi e tavolini imbanditi comunque. Casette e cassette.

Ruote di orologi per improbabile combinazione fra un guscio di noce e una pietruzza- delfino. Rocchetti e forbicine lucenti, cappellini con fiori pallidi in carte ingiallite, scarpe da bimba anteguerra.

Ancora, carta in foglietti ripiegati, bigliettini legati con filo infuocato e messaggi arrotolati ma senza bottiglia. Un cestino di foglietti in bustine indirizzate alla stessa persona e mai spedite. Quaderni e quadernini, foglietti legati insieme o da soli. Penne e pennini in astucci, bustine e scatoline.

Piccole cornici, con figurine, foto, disegni e lettere, appoggiate al muro e spesso in diverso non luogo. Giocattoli di latta semoventi, birilli e secchielli per la spiaggia senza paletta, bambole con braccia sottili e capelli dipinti.

Di vetro occhi di gatto su una vecchia borsa inglese simile a quella magica di Mary Poppins. Cristalli di rocca e di sale. Foglie e piume a talismano. Rametti secchi e muschio sempre annaffiato. Ghirlande con fili di voli e cerchi di tamburi e tamorre. Oh, che vertigine !

Prendo solo un po’ di spazio per riprendere fiato e per me, tutto il resto, resta lì. Per ora.

E cerco qualcosa che cambi, una storia da raccontare o qualcosa che la possa accogliere se arriverà da non so dove. Apro cartelle e pacchi, vi leggo scritti sopra vecchi indirizzi e date lontane.
Poi, eccola lì: tanta e tanta garza. Metri e metri di fili intrecciati a fili.

Tarlantana avvolta e srotolata in una nube variabile di inamidato bianco, da lasciare ad ingiallire nel the o a trasformarsi nel verde d’erba menta e melissa.

Dopo, aspettare che sia asciugata e profumata in una grossa treccia lunga fino a terra, a dispiegare ogni filo, ogi trama, verso il cielo. Preprare gomitoli di filo e tutto il necessario.

Chissà quale forma vorrà prendere. Quale storia vorrà raccontare o ascoltare ?


Perchè:

“Le opere e le storie non sono nostre, ci trovano… Sai, sono loro, a trovarci! “.

P. S.:


Insomma, ho ri-cominciato la mia “prima opera”. Di nuovo, dopo quasi tre anni di pausa. Si’, parto per un Viaggio tanto atteso. Come se fosse la prima volta o l’ultima… E’ l’alba.

Grazie.

Annunci

8 thoughts on “

  1. Cenresig, GPG. Shella, Anyanka, Malibra, Sarmigezetusa:

    è un periodo questo, in cui la commozione è come un fiume per me…mi porta via.

    Difficile “restare” per terra e non isolarmi… voi mi fate sentire invece che è possibile…
    Grazie a tutte/i …!
    🙂

    Buon oggi
    kaapicarla

  2. Raccontare la propria storia …e poi scoprire che è la storia che ci ha raccontati e poi divenire, ancora, la storia raccontata…. infine svanire nelle storie …. sapendo di averle tutte in sé
    arturo

  3. ELBERETH
    grazie…l’incanto…che bello condividerlo!

    ARTEMIDIRO:
    sì, non c’è confine fra raccontare ed esssere raccontati, siamo la nostra storie e le altre…che ci trovano…

    🙂

    BLEUNUIT
    mi inchino…! Grazie

    JAMES:
    certo…passerò!

    RESPIROMARE:
    Immaginando e vivendo…

    BRICIOLANELLATTE:
    quando succedesuccede…che meraviglia…!
    🙂

    kaapi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...