Mr Train (2.) – (“Essere Suono”).

https://www.google.it/amp/s/auralcrave.com/2017/03/06/il-big-bang-della-musica/amp/

Quello che conta son le storie, non quello che trovi o  porti a casa.

 

S’apre uno spazio d’ascolto ad ogni incontro, con qualcuno, qualcosa, un paesaggio, un’immagine, un segno visivo o sonoro. Oltre le parole, s’apre uno spazio di ascolto, non sai cosa arriva non sai perché.    Restare connessi attraverso l’ascolto senza spettative e senza richieste, come una porta ( o una finestra) che si lascia attraversare, come una strada che si trasforma al passaggio dell’acqua, in fiume …

 

Le storie sono sempre presenti, persino su una pagina personale di ebay, dove qualcuno espone cose da vendere. Sono presenti soprattutto dove non le cercheresti ma, forse stannof in attesa e, ti sorprendono, se le lasci apparire. Dipende da noi quello che troviamo, così come dipende sempre da noi se non troviamo qualcosa…? 🙂

Le storie si manifestano come suono, hanno un ritmo secolare che ha loro consentito di intrecciassi fra loro e di cambiare,  trasformandosi in un altra storia, connessa ad altre, e così via. L a separazione nel tempo e nello spazio è dissolta, se ascolto e racconti, se sei ascoltato e raccontato.

 

Quando racconti, sei una Voce fra tante, accogli una storia in te …  Sia benvenuta!

 

 

 

NPAL Lab – “Travelling”,  2016

 

 

 

NPAL Diary & Journey,10072017 (in progress)

 

 

N


No Title

 

Mi sto astenendo da Facebook, e sperimenterò di nuovo il blog, i suoi ritmi più lenti, l’ascolto di presenze assenti o viceversa. Con & senza risposta. Scrivere nel Bosco e non sotto i riflettori. Senza faccine, poillici alzati, controllo di risposte e sguardi da spionaggio gossiparo (senza offesa).

 

Prima ho ritrovato, e riletto, vecchi commenti dell’epico  periodo di Splinder.

Il tempo dei blog (blogs?) era bellissimo – ponte fra due realtà, o più in prospettiva , o senza!

Ho sentito  nostalgia, davvero.

Mi piacerebbe avere notizia dei blogger coi quali mi sentivo ai tempi, solo sul blog.  Ho ritrovato Danilo Coppola ,  Simona/Anyanka e Paolo Vites, viaggiano fra blog e Fb.

La distanza fra noi, ha continuato a tenerci in contatto.

 

 

“Ci sono storie mai scritte, e forse neanche mai sentite del tutto, che continuano. E, proprio per la loro incompiutezza ed invisibilità, continuano a cambiare, ti seguono silenziose e qualche volta, cantano.”

 

 

 

NPAL Diary & Journey 2406017 (in progress)

 

 

 

25 . 6 . 2017

 

“No Title” potrebbe essere una non-negazione,  forse, come il “un-birthday”?

Nel senso di uno spazio riconosciuto in sè, nella sua in-visibilità  presenza, parente dell’infinito e del Niente. Un Non-sense incodificato. Non si vede ma c’è, forse dipende dallo sguardo e da come senti.? Forse, dipende dalla differenza fra cercare e cercare ber trovare.

“Cercare senza meta. potrebbe portare a casa, nel senso del non-luogo, da te stesso inseparato, se quello è il tuo Intento.  Cercare non significa per forza trovare qualcosa, ma potresti trovarlo …. nell’inaspettato.

L’inaspettato potrebbe non avere la forma aspetti, cerchi di vedere… Potrebbe essere “not to be” per la tua mente, o addirittura un pericolo. Invece, potrebbe essere pericoloso ma meraviglioso,  periglioso ma rappacificante con ciò che non è “tuo” ma inseperato. Intendi?”

 

 

10688296_381909941974630_6929518362280324201_o

by Rovina Cai

 

 

 

 

Diary & Journey 2506017 (in progress)

 

27 . 6 . 2017

“No Title”

could be a beginning, again. . .  😉

 

 

 

 

Non solo (a me).

*1.

Questo è un posto a cui appartengo, ma non è al posto che appartengo veramente.

Appartengo a ciò a cui il posto stesso appartiene. Ed è un’appartenenza,  che sto scoprendo o che si sta rivelando. Non solo a me, si sta rivelando . . . . Perchè?

Siamo indivisi, e scoprirlo è un percorso.

Sì, è un percorso e , come tale attraversa e si fa attraversare, oltre  (o nonostante), le parole, le aspettative e , soprattutto, oltre ogni catalogo o catalogazione . . .

 “Si tratta di affidarsi, e non di con-trattare . . . “

Dicevi, come una Nuvola nel Cielo. Sussurrava il Vento.

Sì, le  Nuvole sussurrano, altrimenti come potrebbero cambiare forma… ?   Il Vento le attraversa mentre insieme cantano.  Oltre è un luogo (o non-luogo) esiste, non è speciale.  Lì, non è dove sei di più ( o meno) , ma senza misura sei , così vicino al Niente che ancora temi (?).

   Oh,  (mi) fai delle domande meravigliose, non sono inquisitorie.  Sono un dono, aprono mondi da esplorare.

*2.

Ti ringrazio.

o

E,  questa gratitudine è una chiave che apre la mia porta chiusa, e chiude la mia porta aperta.  Libera (me ) da paure ed entusiasmi (chiusure & aperture), riconosce il confine.

Il confine,  esiste?

Vivrò ancora, con me e con te, per scoprirlo.

E tu, invisibile, trasformerai ogni domanda. Fino  fondo, là dove non c’è misura o fine separata da un altro inizio.

Grazie. 🙂

*3.

*** 1, 2, 3

NPAL  diary & Journey –  Gobi Desert & Elsewhere, Summer 2015

(in progress – 1705017)

“Abbiamo tanti legami con luoghi dove abbiamo vissuto che ci sembra più facile, lasciandoli, lasciare noi stessi.”  –  Marguerite Yourcenar

Touched …

(toccata e fuga)

Tra parentesi, svanisce la fuga, in uno spazio. Forse, neanche lo conosco  ma mi sembra limitato spazio,            nell’essere comunque infinito …  Posso esplorarlo (nell’illusione che sia limitato).                                                        Sì, esploriamo l’illusione (dicevamo)!

 

 

” C’era in lei/lui un Esploratore/ Esploratrice (viceversa, senza esclusione),che ogni tanto lanciava un richiamo: “Andiamo!”                                                                                                                                                                                           diceva,  subito aggiungeva sorridendo “Guarda non so dove, che bello! Andiamo”

 

 

 

Andiamo.

IMG_1723 - Versione 2

NPAL  Diary & journey – “G a t e”, Findhorn Summer/Autumn 2012

NPLl Diary 21022017 (in progress)

 

 

22 . 4 . 017.

Sì, andiamo.

 Eppure, mentre vado sento di restare, ma non sto restando qui, se intendo un luogo circoscritto. Resto qui e vado, solo se non censuro nessuna dimensione, in me, in te in quell’unica reale sconfinata, inseparta dimensione, (senza qui e senza ora) . . .

Grazie 🙂

I believe that she’d stop him if she would start to care
I believe that she’d look upon [the side and? deciding?] to care
And I’d go by the Lord and where she’s on my way
But I don’t belong there.
No I don’t belong to her I don’t belong to [anybody? ev’rybody?]
She’s my [price? prize?]-forsaken angel but she don’t hear me cry
She’s a lone-hearted mystic and she [can? can’t?] carry on
When I’m there she’s all right but [when?] she’s not when I’m gone.
Heaven knows that the answer she’s don’t call in no one
She’s the way a sailing beauty for she’s mine for the one
And I lost the [heavy changing? hesitating?] by temptation as it runs
But she don’t holler me but I’m not there I’m gone.
Now I’ll cry tonight like I cried the night before
And I’ll [lease out the house? her eyes? the heights?] but I dream about
the door
So long Jesus savior blind faith [worth to tell? where’s to tell?]
It don’t have confirmation she’s my own fare thee well.
And I went out she used to live here I was born to love her
But she knows that the kingdom [waits? weights?] so high above her
And I run but I race but it’s not too fast to [slump?]
But I don’t [perceive? deceive?] her I’m not there I’m gone.
Well it’s all about confusion as I cry for her [veil?]
And I don’t need anybody now beside me to tell
And it’s all [information? affirmation?] I receive but it’s not
She’s a lone-hearted beauty but she don’t block the spot
And she gone.
Yes she’s gone like the rainbow that’s shining yesterday
But now she’s home beside me and I’d like to hear she’d stay
She’s a home-seeking beauty and it don’t trust anyone
And I wish I was beside her but I’m not there I’m gone.
Well it’s a-too hard to speaking and I don’t quite believe
It’s so bad ‘cause [she’s using? amusing?] and she’s hard too hard to leave
It’s unknown it’s a crime the way she [moved?] me around
But she told for to hate me just as a [born pathetic? gone pathetic?] clown.
Yes I believe that it’s rightful oh I believe it in my mind
I been told like I said when I before [carried? carry?] on the crime
And she’s all that you told her like I said carry on
I wish I was there to help her but I’m not there I’m gone.

 

NON CI SONO (1956)
parole e musica Bob Dylan
traduzione di Alessandro Carrera
[Va tutto] bene, e lei è sempre qui in giro nel mio quartiere
piange notte e giorno, lo so perché [è successo lì? lui era lì?]
è una pietra miliare ma lei è sfortunata
e [disperata tutti i giorni?], ma [a far difficile la cosa?] io c’ero.
Credo che lei vorrebbe dirgli basta se cominciasse a pensarci su
credo che vorrebbe ripensare a questo lato della cosa e [decidere di?] pensarci su
e io rispetto Dio e dove me la vedo venire incontro
ma il mio posto non è qui.
No, il mio posto non è vicino a lei, non è vicino a [nessuno?]
è lei l’angelo [abbandonato? senza prezzo?] che mi è stato dato [in premio?], ma non mi sente se piango
è una mistica dal cuore triste e [sa? non sa?] come tirare avanti
finché ci sono io va tutto bene ma [quando?] non è così quando me ne vado.
Lo sa il cielo che la risposta – lei non è tipo da chiamare nessuno
è lei la via, una bellezza dalle vele spiegate perché è mia, per la sola…
e io ho perso [il mutamento greve? l’esitazione?] per come va la tentazione
ma lei non mi può chiamare con un grido, ma io non ci sono, me ne sono andato.
Mi viene da piangere stasera, come mi veniva da piangere anche ieri
e io [affitterò la casa? i suoi occhi? le altezze?] ma sogno di prendere
la porta
addio Gesù, salvezza, fede cieca [da annunciare? dov’è da dire?]
non c’è conferma, il mio addio è lei.
Sono andato fin là dove abitava, il mio destino era di amare proprio lei
ma lei sa che il regno [dei cieli] [attende? pesa?] alto sopra di lei
e corro ma corro ma non troppo forte da non poter [cadere?]
ma [non sento la sua presenza? non la inganno?], non ci sono me ne sono andato.
È tutta una gran confusione mentre io sono qui che piango per il suo [velo?]
e non ho bisogno di nessuno al mio fianco che me lo dica
ed è tutta [informazione? affermazione?] che ricevo, ma non lo è
lei è una bella dal cuore triste ma non occupa il posto
e se n’è andata.
Sì, se n’è andata come l’arcobaleno che ieri splendeva
ma adesso è a casa con me e vorrei sentirle dire che rimarrà
è una bella in cerca di una casa dove stare e non c’è da fidarsi di nessuno
e vorrei esserle vicino ma non ci sono, me ne sono andato.
Sì, è troppo difficile da dire e io ancora non (ci) credo
è una brutta faccenda perché [lei usa? è spiritosa?] ed è troppo, troppo difficile lasciarla
è una cosa inaudita, è un delitto come che mi ha fatto fare quello che voleva lei
ma le è stato detto, per potermi odiare, ma c’è un [pagliaccio nato patetico? abbandonato?].
Sì, credo che sia giusto, oh, nell’animo lo credo
mi hanno detto, come ho detto io, quando prima [portavo? porto?] io il peso del delitto
quando lei è tutto quello che le hai detto, come ho detto, tira dritto
vorrei essere lì ad aiutarla ma non ci sono, me ne sono andato.

Nota. Ho utilizzato alcune trascrizioni apparse su vari websites, ma alcune erano incomplete e tutte presentavano varie discrepanze. Credo che questa sia la trascrizione più esauriente finora disponibile, ma posso sempre essere smentito da ricerche ulteriori. Comunque non penso che si possa mai arrivare a un testo definitivo di I’m not There (1956) perché un testo definitivo non c’è mai stato. Può darsi che alcune delle parole incomprensibili non siano nemmeno parole, ma sillabe improvvisate da Dylan sul momento per completare il verso. La traduzione cerca di essere letterale, con qualche necessaria integrazione di senso che può essere giusta o sbagliata, ma senza sapere rispetto a che cosa lo sarebbe.
Alessandro Carrera

Altrochè (Altro da non si sa chi o cosa)?!

Altrochè . . . . (che avverbio interessante, direi. L’altro (o l’Altro) rispetto a qualcosa d’altro, è in una prospettiva (che)).

Chissà ,se questa convergenza prospettica sia in direzione di passato o di futuro e, magari (ohiohi), del presente.

“Qui ed ora”,                                                                                                                                                           quando non è una etichetta ( e non è  per niente sbagliato se lo fosse -per giunta), prospetterebbe  indietro  (passato) ed in avanti (futuro) qualcosa di non ipotizzato?                                              Magari, in un modo non- separato in cui  il presente momento ipotizzi un ponte fra prente, passato e futuro.  Insomma, un miracolo?

Ehi, (fra parentesi.): il punto interrogativo (?) sia una suggestion, o  uno stratagemma che sfoca(no) il pensiero da una definizione definitiva verso l’(immaginario) infinito!

Grazie 🙂

 

DSC01056 copia.jpgNpal Diary – Mongolia 2015

 

 

 

 

NPAL 0810016 (in progess) – Here & Elsewhere

 

 

 

 

Deep Feelings

Vorrei scrivere sulla commozione. E’ una PP (Parola-Porta o Portale). Voce del cuore, destabilizzante.

Ieri sera ,ho perso il Concerto di Glen Hansard (senza Marketa), al Carroponte di Sesto san Giovanni, ma stamane mi è stato ricordato quanto ascoltare loro, questa canzone e tutte quelle di Once così come tutte le altre, mi abbia sempre commosso.

Credo sia soprattutto per la loro (Glen e Marketa) voce ( e come sono totali nel cantare e nell’essere presenti!

Sono stati giorni, e tanti mesi in cui,  sforzandomi di “tenere i piedi per terra” mi sono forse un po’ irrigidita, ma adesso ecco, il segnale! Insieme  a quello che ricevo dall’ascolto del canto degli alberi, e dei loro notturni abitanti quando torno a casa attraversando il parco  e poi, dalla finestra.

I segnali diventano un unico canto segreto, unificato e unificante? Che meraviglia, questo Silenzio di Voci… Grazie 🙂

POST IN PROGRESS, DECISAMENTE 🙂

NPAL Diary and Fragments 2906016

IMG_8202

 

P.S 1.

Quando allego una immagine ad un post, il più delle volte, faccio così: faccio scorrere sullo schermo la pagina dell’archivio e poi, piuttosto a caso clicco su una riga e poi, su una foto.  E guardo cosa si propone. Poi, guardo la foto e continuo a scrivere, poco o tanto ( it’s depends 🙂

In questo modo ho fatto anche  oggi.                                                                                                                            Questa foto dell’Ovaa di Vetan (Lunedì 21 Giugno 2016) porterà una storia.  Per ora,  il post resta in progress (sono rapita dalla raccolta dei documenti per il 730 e dalla sistemazione dell’archivio infinito) :-).

P.S. 2.          

             Come si traduce in Inglese “commozione” ?                                                                                                             Non c’è un termine specifico? (E, non mi sorprende, perché? 😉

P:S: 3.

“I don’t know you
but I want you
all the more for that
words fall through me
and always fool me
and I can’t react
and games that never amount
to more than they’re meant
will play themselves out
Take this sinking boat and point it home
we’ve still got time
raise your hopeful voice you have a choice
you’ve made it now
Falling slowly, eyes that know me
and I can’t go back
moods that take me and erase me
and I’m painted black
you have suffered enough
and warred with yourself
it’s time that you won
Take this sinking boat and point it home
we’ve still got time
raise your hopeful voice you had a choice
you’ve made it now
Take this sinking boat and point it home
we’ve still got time
raise your hopeful voice you had a choice
you’ve made it now
falling slowly sing your melody
I’ll sing along”.

FALLINg SLOWLY

(Glen Hansard & Marketa Irglova)

************

Domenica, 3 Luglio

Quassù, quando  tira Vento,  tutte le finestre scricchiolano e sussurrano. La casa sembra respirare o soffiare, rispondendo al Vento.

E, mi piace tanto immaginare di stare in una casa su un Albero, lassù fra i Rami.

Comunque, qui un Albero c’è. E’ molto vicino e supera la altezza del sesto piano, dove sono in un appartamento che si sta trasformando , forse, in un Eremo. Sempre  di più sta cambiando il suo aspetto d’appartamento e forse assomiglia a qualcosa d’altro, non so di preciso, ma quello che era è ancora, non l’ho dimenticato.

Per questo, i sussurri della casa portano le voci, ed anche i borbottii che qui facevano coro insieme a  sorrisi, parole al vento ed anche alla Luna. Ora, darei lo stesso valore a lacrime e sorrisi, a parole affettuose ed a rimproveri, per come erano in ogni casi espressi, con amore anche quando non sembrava proprio. La casa ha conservato echi e tracce, ma non si ostina a tenerle per se, le lascia andare e me lo sta insegnando:

“Non sei quello che possiedi, sei quello che sei, come me. Sei uno spazio libero, indipendentemente da quello che sembri, o credi, o dicono altri.”

Amo questa casa e mi sento ricambiata. Non l’avrei mai detto, da adolescente, che avrei vissuto qui, nella fase adulta della mia vita, in quella fase della vita tradizionalmente considerata come l’ultima (della vita in corso)…

Una fase sorprendente della mia vita, magnifica nella sua sobrietà e magia, che non finisce mai di sorprendermi, soprattutto quando sembra fatta di niente.

Immensamente grata, saluto l’Albero che ondeggia, così lontano, eppure vicino, al Mare. Stanotte, Notte di Luna Nuova!

 

13 Agosto 2016

Niente & Tutto, direi.

Ogni tanto, mi sembra di percepire Niente & Tutto inseparati, e che non sia  un concetto, nè  un’adozione di credenza  ma piuttosto, o forse,  un’invasione di campo  dolce quanto destabilizzante… Viene, portata da un processo di disindentificazione da  “chi sono” (e chi in tanti, me compresa, credono che io sia, possa o debba, essere?  Alleluja.

Perdinci, , ora  direi “No-Go Zone…”. Oh no,  non come negazione di uno spazio, ma come espansione di Confine ….(quanti ce ne sono?) 🙂

(seguirà  post, prima o poi). Ciao.

“Non c’ha la data . . . “. Già !

13041377_10209265461691464_7043380789761553280_o-1image01-00074537000018 - 25 APRILE 1945 LA LIBERAZIONE - MILANO - TRE RAGAZZE TRA CUI LU' LEONE AGGREGATE AI GRUPPI PARTIGIANI , IN PIAZZA BRERA MENTRE PERLUSTRANO LA CITTA' INSIEME AI "GAPPISTI" - 26 APRILE 1945 .

Uno, Due e Tre . .

In giorni come questo, mi interrogo sempre, sulla celebrazione o addirittura, sulla rappresentazione.

A che servono le celebrazioni? Potrebbero essere pericolosamente conservatrici dello status quo  al vento della memoria consolatoria? E, come  veramente non  dimenticare e contemporaneamente non consolarsi con il ricordo, stare  nella responsabilità di dove siamo, dentro e fuori di noi, ora?

 

Post decisamente in progress, direi … 🙂

NPAL Diary 2504016

 

 

28 . 5 . 016  “CAPRO  & CAPO”.
Se Resistenza fosse, come abbiamo da tempo scoperto, soprattutto R- Esistenza, come troviamo quello spazio che fa conoscere innanzitutto l’Esistenza, e poi che ne facciamo di quella “r”, o ancor prima, cosa ci allontana dall’esistenza autentica? Persi in battaglie contro qualcuno a cercare “capri espiatori”.  Inconsapevolmente comandati da”capi espiatori” interiori (come invasioni assunte sotto forma di dinamiche-demoni, per compensazione o chissà perché) che dirigono la rabbia in direzione esterna, contro qualcuno  qualcosa, disperdiamo energia e vita, recriminando, invece di riconoscere, ed assumere le nostre responsabilità*********************

 

Dedicato a “Chi” mi ha scritto una frettolosa e-mail (tra l’altro con alcuni errori che non mi son sognata di recriminare neanche leggendo), segnalandomi un errore e  forse, non cogliendo, il messaggio di quell’errore :

“Si dice capro non capo espiatorio.”

Capro & Capo: ecco, il capro sacrificato, uscito dall’ombra dice che sei tu a sacrificare te stesso/a, ascolta: la dinamica del colpevolizzare altri, o scagionare te stesso/a , ti capeggia, (capo) e ti costringe (capa/testa/cappa), come testa/mente  a stare dove sei (oppressa da una cappa di smog?) , cercando fuori e mai in te, quello che puoi cambiare (la casa che cerchi, la comunità che cerchi, mai la troverai veramente, se prima non la cerchi in te, facendo spazio e pulizia dai rancori.”
“Chi” ha scritto quella  frettolosa e rancorosa e-mail , perso/a dal colpevolizzare qualcuno con la motivazione di “scaricare la rabbia su chi difende lo status quo” non s’accorge di proiettare su altri  la propria  paura di cambiare il proprio status quo interiore e non, per poi lamentarsi, lamentarsi e lamentarsi (da arrabbiato/a,  con atteggiamento  combattivo, a parole): perdendo l’occasione di dialogare con chi ha di fronte, sia pur virtualmente, ed accettare  i limiti di ciascuno, replica di nuovo la denuncia di errori e di mancanza di dialogo (le persone spariscono, si valorizzano, senza nessuna ragione, dice… ). Ma “Chi” dov’è?

L’evasione dalle proprie responsabilità e dal proprio cambiamento, comunque non appaga neanche, anzi inquina.   Piuttosto, congediamo, gentilMente,  ogni volta, la dinamica della separazione, che fa cercare quei nemici che “ci espropriano“, quando invece siamo proprio noi  noi i primi ad espropriare, rispetto a noi stessi , ad altri, all’esistenza. Se e quando questa dinamica si ripresenta, riconosciamola e congediamola di nuovo. Con cura.    Quindi, come on! (innanzitutto, mi dico, ora)!

Augurare un Intento di pace ed un sereno cammino, può significare , ad entrambi (elementi separati in me/te , o Te & Me, Noi & Loro,ecc.)   :” Vai tranquilla/o, rischia! Correre il rischio di perdersi, insegna come sia impossibile, distruttivo o devastante, impuntarsi a controllare tutto e tutti.”   Buon Viaggio. 🙂

Grazie!

  • Un riferimento, non un libro da leggere, o dover leggere, ma un’esperienza: http://thework.com/en    (in Inglese)

http://thework.com/sites/thework/italiano/   (in Italiano)

 

***********************************************************

 

N.B.: rileggendo tutto il post, mi sono accorta, or ora, che nella parte iniziale, scritta il 25 aprile, appare lo “status quo”!
N.B.2: ci sono errori, chissà cosa mi racconteranno, alla prossima rilettura del post!

“Gli errori non vanno condannati vanno ascoltati. “Che siano la Voce dell’Ombra?” 🙂
N.B. 3: forse abbiamo, ora, almeno una ipotesi (delirante) per quella “r”, Capro & Capo insieme a “Chi”, chiunque sia  (nessuno escluso) ?

 

DSC00580Odin_hrafnarOne- the Park-Findhorn Foundation, September w012

NPAL 2805016 : in sostegno  al sacrosanto Delirio che porta fuori dalla colpevolizzare qualcosa o chiunque, me stessa compresa.

Nessuna evasione di responsabilità e cambiamento, con almeno un minimo di leggerezza, per disinnescare le nostre personali zavorre e pillole (pillol@) di consolazione (date e/o assunte…). Oh yesss 🙂

 

***