Sottile

© lab Harambèe –
Estate 2004/Autunno 2006

s o t t i l e

Come un capello nel palmo della mano: lo chiudo, lo apro e soffio


( vola via)

Come un filo da infilare in una cruna troppo piccola


( io non la vedo da vicino )

Come un semino rimasto da solo, in attesa

di scomparire nella terra


(dolce sonno)

Come una stringa rossa sulle scarpe da allacciare

con un bel nodo morbido


( colori di corolla e di foglia, gambo)

Come la tua scrittura fine, in tutti i sensi
Disegni sentieri sulla carta


( e nel mio cuore )

Come tutto ciò che c’è stato, c’è e ci sarà

( e non si sa per quanto )

Come in una treccia: uno, due, tre

( si vede la parte destra,quella sinistra e… la terza ? )

Come una presenza che sembra assente.


( ma c’è.)

Come l ‘abbraccio inseparato (dato-ricevuto ) dell’ Esistenza


( vita e morte)

Come una domanda che non ha risposta


(non può averne una).

Come una risposta senza domanda


(esiste raramente)

Come ciò che sfugge alle parole


(e non si può dire).

Come una musica che dà voce al silenzio


(ascoltala).

Sottile, sì.

Annunci

5 thoughts on “

  1. troppo oltre per me ancora tu
    mi risuonano come lontane
    brevi intuiti

    fase diversa forse solo…

    in merito al cuore..
    kaapi
    svestito, mi ricorda sfogliato
    bellisimo…fa entrare aria calda dentro..

    da senso del dolore anche dello sfogliarsi, del divenire

    nudo è vero non c’è manncanza, ma c’era il coraggio di violare di spalancare e offrirsi senza remore..
    😉

  2. sottile: già proprio così:

    Altri, non io il primo,
    Hanno desiderato più male che non osassero:
    Se nella notte senza vento’anch’io,
    Ora, rabbrividisco, non è cosa nuova.

    Molti oltre me, se il vero fosse detto,
    Hanno esitato e sudato caldo e freddo,
    E nelle loro reni in ghiaccio e fuoco
    La paura ha conteso con la brama….

  3. bhe che commenti impegnativi…r
    trovo oggi !
    🙂

    Giuseppe… pacificante?! Ah, almeno lo fossi con me stessa…Se si cerca la pace si
    può trovare?! Qui ora intendo, non quella eterna, se c’è…. 😉

    Wumen:
    “mi risuonano come lontane
    brevi intuiti”dici.
    Ma l’intuito è breve, come un lampo a volte. E’ un messaggio, un richiamo.
    se lo ascoltiamo qualcosa rimane, magari da sviluppare quando chissà…E’ un sentiero, un percorso….lungo

    Ah, non dirmi che sono oltre, io cerco di esserci, di essere presente..! Ma lo sai, non è facile…
    🙂
    Simona:
    sto cercando leggerezza…
    la scultura che sto cucendo m’aiuta a sentirne la necessità…cercare la profondità in modo compulsivo potrebbe portarmi prigioniera nella buca galleria che ho scavato, immersa nelle macerie dello scavo.(attenzione, conosco, questa storia)

    Sto cercando equilibrio .sia pur in bilico, sottile appunto, fra dentro e fuori… e tu me ne sei testimone..

    Arturo
    il Ghiaccio ed Il Fuoco se sono eterni non sono inconciliati fra loro, esprimono quell’energia…
    quando mi sento così,” La paura ha conteso con la brama”…. cerco di stare ferma o di fare qualche passo indietro e chiedo al mio cuore. “cosa c’è? ”
    ed accetto la mia paura col cuore…il desiderio non va negato ma bisogna nutrire dìamore quel bisogno da dentro…innanzitutto.Cercando di distinguere le compensazioni se ci sono. O magari trovandole consapevolmente perchè siamo esseri umani e…”ha da passà ‘a nuttata…” 🙂

    Grazie e a presto
    🙂
    kaapi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...