Niente dire dire e  Niente da capire …

lab Harambée –  kaapi carla barnabei
Milano v. Volturno& Altrove, Nov. 2008

C i c o g n A q u i l a


La storia di un Iris,  rifiorito tanti anni dopo, senza neanche essere più atteso (ma non dimenticato). E fuori stagione.

Ci sono storie che scappano via. O osì sembra, invece, vanno in profondità.  Il Sentimento dell’Abisso e della Grotta ha una sua leggerezza speciale. Ce l’ha in silenzio.

Certe storie ritornano proprio quando sono presa da qualcosa d’altro (o almeno così  mi sembra). 

Un’immagine fotografata da qualcuno  manda un richiamo e mi ricordo di un luogo, di viavai quotidiani. 
Mi accorgo di come semplicemente indefinibile sia nella (mia)vita  ii percorso.: quello che sto facendo. Spesso, è come se me lo scordassi o   mi sembra di essere ferma e nullafacente.  
E poi, all’improvviso ecco, il miracolo di sentirmi così leggera, un’altra… :). In questa realtà dove sono i confini, le mappe, le scadenze, gli errori, i traguardi ? Tutto sembra scomparire.

Come posso  raccontare? Piuttosto, mi sento raccontata . E, non mi resta niente da dire…. 
Anzi, come cantava Francesco D.G. "Non c’è niente da capire"!V
 

Stasera, ascolto il Vento. :-))

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...