P a s s i


© lab Harambèe – Milano & Altrove, 2 Aprile 2007

U n o
D u e

Ecco, le immagini di un percorso, fra occhi e asfalto, <br<oltre il muro…

“Psss…. psss…Adesso, vuoi scrivere, tu…?”

🙂


© lab Harambèe – Milano & Altrove, 3 Aprile 2007

D u e
U n o

( 1, 2 – continua )

c l i c k

Sainhko N.


canta la stessa canzone Tuvina che stai ascoltando nella versione degli Huun Huur Tu

(sotto il piccolo schermo di Y. T. cliccate a destra per ingrandirlo…)



C e r c h i o

n o m a d e


C’è una porta ed una finestra del Cielo,

Dentro, c’è posto per una stufa a legna (il comignolo sfiata dalla finestra del Cielo quando è aperta).

Tappeti sopra la terra da calpestare, dopo aver lasciato gli stivali sulla soglia.

Tappeti appoggiati al traliccio ricoperto all’esterno dal feltro spesso. Tappeti e coperte ripiegati sopra mobili bassi trasportati ad ogni tappa.

Quanti colori, segni e simboli si rinnovano ad ogni viaggio.

Intorno al Palo centrale si può fare, ascoltare, cantare, raccontare tutto.
Profumo di stufa accesa e di zuppa (diciamo così)…

Una bambina gioca da sola intrecciando strisce di stoffa rossa, celeste, verde e giallo oro. Un piccolo cane chiaro la guarda.

La nonna è appena uscita ad offrire latte e passi in tondo agli Spiriti, cantando.

Poco lontano, i genitori stanno trafficando con quattro cammelli e tante pecore mohair.

I fratelli scorazzano a cavallo nella steppa, hanno in tasca un messaggio e nella sacca un pacco avvolto in un suzani ricamato destinati ad altri membri del clan in una ger più a sud..

Ora, la bambina ha trovato una vecchia foto di un paesaggio tutto bianco. Ci mette sopra la treccia appena conclusa a disegnar un sentiero.
Il cane guaisce e scondinzola. Lei lo prende in braccio.

Insieme sognano .

E’ solo una foto.

Che nostalgia di casa …!



C e r c h i o

n o m a d e


C’è una porta ed una finestra del Cielo,

Dentro, c’è posto per una stufa a legna (il comignolo sfiata dalla finestra del Cielo quando è aperta).

Tappeti sopra la terra da calpestare, dopo aver lasciato gli stivali sulla soglia.

Tappeti appoggiati al traliccio ricoperto all’esterno dal feltro spesso. Tappeti e coperte ripiegati sopra mobili bassi trasportati ad ogni tappa.

Quanti colori, segni e simboli si rinnovano ad ogni viaggio.

Intorno al Palo centrale si può fare, ascoltare, cantare, raccontare tutto.
Profumo di stufa accesa e di zuppa (diciamo così)…

Una bambina gioca da sola intrecciando strisce di stoffa rossa, celeste, verde e giallo oro. Un piccolo cane chiaro la guarda.

La nonna è appena uscita ad offrire latte e passi in tondo agli Spiriti, cantando.

Poco lontano, i genitori stanno trafficando con quattro cammelli e tante pecore mohair.

I fratelli scorazzano a cavallo nella steppa, hanno in tasca un messaggio e nella sacca un pacco avvolto in un suzani ricamato destinati ad altri membri del clan in una ger più a sud..

Ora, la bambina ha trovato una vecchia foto di un paesaggio tutto bianco. Ci mette sopra la treccia appena conclusa a disegnar un sentiero.
Il cane guaisce e scondinzola. Lei lo prende in braccio.

Insieme sognano .

E’ solo una foto.

Che nostalgia di casa …!

<font face="Courier New, <courier, mono" color=#ff6600
size=4

Cuore nomade

<font face="Courier New, <courier, mono" color=#ffffff size=2


<font face="Courier New, <courier, mono" color=#ff6600" size=1

lab Harambèe – 1° maggio 2005

<font face="Courier New,

nessun bagaglio

<font face="Courier New,

“Ri partiamo …?”

Sì.

<font face="Courier New,

Da zero …cioè, da qui.

Ora.

Per il momento.

Non conta la distanza.

Senza misura.

Senza fuga.

Se il confine

non c’è più

sconfinare
non sarà

un’ evasione.

La presenza in bilico,

esserci

ed essere altrove,

stare nel presente.

Il presente cambia
e cambio io.

Oltre lo specchio di ieri,

di oggi e di domani.

Oltre è qui, proprio qui,

adesso.

Semplicemente.

Grazie all’Esistenza.

Il percorso in salita

come sul Calvario,

a volte

addolora ed affatica.

Essere soli

per conoscersi.

Io chi sono.

Non sono il (mio) dolore, io.

Poi, il tuffo nel Vuoto,

è Oceano che si muove,

canta per me.

In Silenzio…

Non sono la (mia) gioia, io.

Senza identificazione,

riconoscermi.

Con gratitudine

ringrazio

del  N i e n t e

che sono.

<font face="Courier New,

Sì…!

<font face="Courier New,

kc.

<font face="Courier New, <courier mono" color="#808080" size=2

Dedicato a

<font face="Courier New, Malibra

<font face="Courier New,

18/23 4 05

<font face="Courier New, >

<font face="Courier New,
lab Harambèe – aprile 2005
Milano & Altrove, vicino a casa

<font face="Courier New,

n o n

p i o v e

p i ù ,

o r a

(…)

<font face="Courier New,

<font face="Courier New,

br>

br>

br>